mercoledì 16 maggio 2012

La mano dell'architetto


La mano dell'architetto sovrintende e guida ogni azione, 
ogni intuizione, 
imprime segni che nascondono un'aura misteriosa perchè tocca la sfera delle emozioni, 
racconta storie, passioni, tendenze, estro.
La mano dell'architetto
si affida a tecniche e strumenti diversi, 
adopera il carboncino, la matita, i pastelli, il pennello, il pennarello, la penna e lascia tracce su taccuini, carte veline, cartoncini, post-it, tele, fogli di carta da giornale, lucidi ed ogni supporto utile.
La mano dell'architetto
a volte agisce quasi nell'ombra, 
timidamente,  
altre è supponente, irriverente, presuntuosa.
La mano dell'architetto non è mai uguale...


da "La mano dell'architetto" 
di Francesca Serrazanetti e Matteo Schubert

Nessun commento:

Posta un commento

«Lo scambio di idee e opinioni costruito nella fabbrica della vita concreta è di per sé consiglio.»

Walter Benjamin

Grazie per il tuo commento!